Medo e la vita nel petrolitico

Mi ha scritto Medo, a me e ad alcuni altri amici e compagni di pensieri strani, informandomi che dopo aver: abbandonato il vile settore terziario e investito tutto in alberi e aromatiche piantate ovunque ha potuto, vissuto in fattorie qua e là; camminato per quattrocento kilometri per le Alpi; costruito e abitato una capanna Kogi con i Kogi ma su suolo europeo (questa poi me la spieghi meglio); supportato tutte le azioni di tutti gli uomini di buona volontà incontrati nel suo cammino, spesso camminato in automobile; studiato la Storia ogni santo giorno; rinnegato Dio per ritrovare il divino; difeso e diffuso la biodiversità vegetale; amato la vita, combattuto chi la vita uccide, beh…

Dopo tutto questo ha aperto un blog, qui.

Annunci

Tag: , ,

Una Risposta to “Medo e la vita nel petrolitico”

  1. Medo Says:

    Cristiano, ti ringrazio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: