In diretta da Cancun: USA army contro CO2

Rubo questo pezzo al blog di Ugo Bardi, lui pensa che tutto sommato il fatto che a combattere i cambiamenti climatici ci si metta l’esercito non è nemmeno il peggiore dei mali. Io sono un po’ attonito e sospendo il giudizio, voi… beh deciderete con comodo.

L’esercito americano dichiara guerra alle emissioni

Alla Conferenza sul clima i militari degli Stati Uniti scelgono un linguaggio diretto per proteggere gli interessi nazionali. E annunciano che la missione sarà combattere i cambiamenti climatici per garantire la sicurezza e il benessere dei cittadini dal nostro inviato ANTONIO CIANCIULLO

CANCUN – Il nemico è il cambiamento climatico. Parola dell’esercito americano. Mentre la trattativa procede per piccoli e progressivi aggiustamenti (le aperture della Cina agli impegni vincolanti, i passi avanti dell’India, la lotta del Brasile contro la deforestazione) e la diplomazia procede per allusioni, i militari del Stati Uniti hanno scelto un linguaggio più diretto e aperto per proteggere gli interessi nazionali.

In un incontro con la stampa, svolto in parte attraverso un video collegamento con Washington, lo stato maggiore dell’esercito e della marina hanno annunciato una “guerra” contro le emissioni serra come misura necessaria a garantire la sicurezza e il benessere dei cittadini americani. L’ammiraglio David Titley è stato molto chiaro: “Non c’è da discutere di modelli e previsioni. Per misurare l’impatto del cambiamento climatico basta osservare quello è successo nella zona artica negli ultimi 30 anni, e in particolare nell’ultimo decennio. Prima c’era una superficie ghiacciata che aveva piccole oscillazioni a seconda delle stagioni. Adesso c’è un pack che cambia radicalmente dimensioni durante l’estate. Lo stretto di Bering acquisterà l’importanza strategica dello stretto di Malacca”.

L’ammiraglio non si preoccupa solo delle mappe che andranno ridisegnate per dar conto di rischi e di opportunità di navigazione e di controllo dei mari. In palio, nella grande partita per il controllo del caos climatico, c’è un altro tema fondamentale: il cibo: “Il mutamento dei monsoni e il moltiplicarsi di fenomeni come uragani, siccità e alluvioni rappresentano una minaccia concreta alla sicurezza degli Stati Uniti. Non basta. Nel mondo un miliardo di persone prende dal mare le proteine di cui ha bisogno. E l’acidificazione degli oceani rappresenta un fenomeno preoccupante: il mare assorbe il 40 per cento dell’anidride carbonica emessa e il suo PH cambia. Il rischio è che l’acidità arrivi a un livello tale da renderlo invivibile per molte specie”.

Un giudizio condiviso da Amanda Dory, deputy assistant per la strategia del Segretariato alla Difesa e da Jeff Marqusee, direttore dello Strategic Environmental Research Programme. Gli Stati Uniti hanno, nel mondo, 507 strutture di difesa e 300 mila edifici: una buona parte è a rischio nella prospettiva, giudicata attendibile, di un aumento del livello dei mari di un metro entro la fine del secolo.

Tag: , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: