Buone notizie sul petrolio

Evviva, gli ultimi dati sulla produzione petrolifera sembrano confermare che il Picco sia stato nel 2008, ma mostrano anche una buona capacità del sistema di reggere l’urto. Non stiamo precipitando come si sarebbe potuto temere, sembra piuttosto che siamo entrati in una fase di plateau che si può immaginare perduri per un po’ di anni.

Questo significa: TEMPO.

Il maggior nemico di una Transizione felice sarebbe infatti uno scenario di crollo repentino che potrebbe rendere davvero difficile una riorganizzazione del nostro modo di abitare il pianeta. Sarebbe invece bellissimo avere davanti a noi qualche anno (temo che non saranno tanti però) per lavorare e cambiare le cose senza passare necessariamente attraverso traumi estremamente dolorosi.

Intendiamoci, lo spazio per esiti davvero spiacevoli c’è e non possiamo escluderli, ma il fatto che la produzione petrolifera stia reggendo rimane comunque una bella notizia e dovrebbe spronarci ad agire più in fretta e a utilizzare le risorse attuali per preparare un futuro felice e sostenibile. Per altro, più velocemente produciamo cambiamenti, più lentamente consumiamo petrolio e produciamo emissioni (un circuito virtuoso dunque).

Il rischio in tutto questo è un altro, purtroppo le “martellate in testa” che le varie crisi incrociate ci stanno dando hanno un benefico effetto sulla volontà di agire di molti. Un rallentamento del martello potrebbe fare allentare la tensione al cambiamento invece che spronarla.

La realtà è che si conferma il fatto che siamo a una svolta epocale e che mai come ora dovremmo cogliere l’occasione per un bel salto evolutivo. I rischi rimangono alti tanto quanto le opportunità.

Vi lascio segnalandovi questa pubblicità che ha il pregio di rendere evidente la nostra attuale dipendenza dal petrolio…

2 Risposte to “Buone notizie sul petrolio”

  1. Buone notizie sul petrolio « Transition Italia Says:

    […] notizie sul petrolio Di Cristiano Su “ioelatransizione” un mio commento sugli ultimi dati relativi alla produzione petrolifera. La situazione al momento sembra favorevole […]

  2. Giordano Mancini Says:

    Grazie mille per la bella notizia!
    Personalmente, visto che lavoro con le aziende, sto cercando di informarle su questo grande problema il quale apre però anche tante nuove possibilità per le piccole e medie imprese e per gli artigiani del manifatturiero. Collaboro da tempo con la rivista INNOVARE della Confapi (confederazione Associazione Piccole Imprese) per la quale ho scritto di recente questo articolo sul picco del petrolio http://www.rivistainnovare.com/ambiente-energia/il-picco-del-petrolio/ anche ispirandomi ai temi della transizione.
    un saluto a tutti
    Giordano

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: