Chris Martenson: 6 passi per la resilienza

Vi raccomando caldamente la lettura di questo contributo (in inglese) del nostro amico Chris Martenson (il creatore del più volte citato The Crash Course in italiano qui) all’ultimo lavoro del Post Carbon Institute, una raccolta che si intitola The post carbon reader.

Chris nel suo intervento spiega in sei semplici punti come lui e la sua famiglia si stanno preparando al futuro in arrivo, ma soprattutto perché vale la pena farlo. Il suo obiettivo è ovviamente la resilienza della sua famiglia e della sua comunità.

Come sempre però, alcune delle sue idee risultano estremamente utili. Mi ha colpito in particolare il suo modo di affrontare un problema tipico di chi decide di rimboccarsi veramente le maniche e di fare qualcosa per aumentare la propria resilienza: quello dell’insufficienza della risposta che è possibile dare.

Insufficiente ma necessaria

Ecco come Chris definisce il tipo di risposta che possiamo praticare nella nostra dimensione personale. È chiaro che anche con un orto, o con i pannelli solari sul tetto, o con la raccolta di acqua piovana, non potremo mai veramente mettere in piedi una protezione totale in caso di crisi pesanti del sistema attuale.

Martenson ritiene però che la vera differenza consiste nel passare da “nessuna risposta” a “sto facendo qualcosa”. Il 3% di autonomia alimentare cambia il nostro scenario dal giorno alla notte e in questo mi trovo assolutamente in sintonia con lui.

Ragionare sulla nostra resilienza familiare e personale è fondamentale, una parte estremamente importante di quella che diventerà la resilienza della comunità, un atteggiamento culturale contagioso e benefico.

Ricordate la regola di emergenza sugli aeroplani: indossa la tua maschera ad ossigeno prima di assistere gli altri passeggeri.

Anche un minimo di resilienza personale, basata su ciò che possiamo fare subito e sulle relazioni con la comunità, ci metterà sicuramente in grado di aiutare gli altri a prepararsi ora e a fornire assistenza in caso di bisogno.

Il mio suggerimento è, leggete questo capitolo e, se non lo state già facendo, cominciate a fare qualcosa per essere più resilienti. Non c’è un tempo giusto per cominciare è qualcosa che dovrebbe fare sempre parte del nostro comune buon senso, ma se proprio volete saperlo, forse i tempi sono maturi. Per prepararsi occorre tempo, come fa notare anche Chris, questo potrebbe essere un momento favorevole da sfruttare.

Più avanti la crisi potrebbe approfondirsi ulteriormente e rendere le cose più difficili e il clima di tensione più acceso. O potremmo avere anche piccole (ma temo effimere) vampate di ripresa economica che potrebbero farci dimenticare un atteggiamento saggio e previdente.

Ora è un buon momento, beh insomma, io lo sto facendo.
Vedete voi…

Annunci

5 Risposte to “Chris Martenson: 6 passi per la resilienza”

  1. Perché è importante fare anche piccole cose… « Idee per la Transizione a Carpi Says:

    […] Personal Preparation – By Chris Martenson *** […]

  2. Massimo Says:

    Caro Cristiano,
    una sintesi chiara ed interessante su ciò che può fare ogni singola persona o famiglia per prepararsi nel migliore dei modi ad un futuro sicuramente diverso dal presente!
    Sarebbe importante tradurlo in italiano per i non-anglofoni 🙂 .

    A presto.
    Massimo

  3. Io, Stoneleigh e la crisi… « Io e la Transizione Says:

    […] la vostra resilienza personale, familiare nella […]

  4. Dallo yoyo alla trottola « Campagnola in transizione Says:

    […] la vostra resilienza personale, familiare e nella […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: