Firenze: l’arte di sfondare porte aperte

firenze

Fare questi incontri dopo il lavoro, magari dovendo guidare per un centinaio di chilometri o più, per poi andare a letto alle due e lavorare la mattina seguente decisamente mi stanca. C’ho un’età.

Allo stesso tempo però produce in me una grande carica di energia, anche perché ricevo tantissimo dalle persone che incontro (lo so, son frasi retoriche e dette da uno che fa il mio mestiere… però in questo caso, credetemi è vero).

In più, in situazioni come quella di ieri, mi pare davvero di esercitare la facilissima arte di sfondare porte aperte. Mi pare di incontrare persone straordinariamente ricettive e così incredibilmente pronte…

Poi magari mi sbaglio, forse la mia capacità di giudizio è stata obnubilata dalla colossale cioccolata in tazza e dal bellissimo regalo che ho ricevuto (la collezione completa dell’Ecologist, una vera chicca che metterà subito a disposizione della biblioteca di Transizione).

Però è sempre più forte la mia sensazione che ci siano davvero le potenzialità per fare cose “enormi”. Grazie a Maria Cristina per avermi invitato, a Patrizia e Laura per essere venute a fare “moral support” e a tutti gli altri, organizzatori e spettatori.

Sergio poi ha fatto un commento così bello nel mio post di ieri che devo necessariamente riportarlo anche qui:

Sergio Tonon – ed. Aam Terra Nuova Dice:

Ebbene sì, è proprio uno “show” catastrofico e travolgente, un’esperienza toccante che ti fa sobbalzare dalla sedia! Gli argomenti che, seppur interessanti, sono piuttosto impegnativi e seri, vengono trattati in modo che non si può più far finta di nulla. E’ un impronta più che ecologica, esistenziale. Ora ho voglia di “transitare” anch’io per questo mondo in maniera diversa, e coinvolgere più persone possibili. Per fortuna non parto da zero perché in parte la mia azione negli ultimi anni tendeva alla transizione ma non lo sapevo. E’ come se avessi avvistato un faro, lontanissimo, ma un faro. Ed è lì che punterò la prua.
Grazie Cristiano. Sergio – GAS.Frediano (futuro GAST) + Ed. Terra Nuova, Firenze

Ora tocca a Ferrara.

PS: se qualcuno ha una foto, me la mandi (solo se sono venuto bello)
PPS: poi vi spiego dei GAST

Annunci

3 Risposte to “Firenze: l’arte di sfondare porte aperte”

  1. Daniele Says:

    Come partecipante all’incontro di Firenze non posso che dire Grazie per il tempo che ci hai dedicato, per avere aperto nuove porte nel mio modo di vedere i temi trattati e sopratutto per aver indicato la presenza di una “cassetta degli attrezzi” per lavorare su idee che per la loro ampiezza spesso scoraggiano prima ancora di essere affrontate.

    Troppi incontri su temi validi finiscono con la sensazione che il tutto sia fuori della propria portata proprio per la mancanza di un “metodo” facendo pensare “ok qualcuno ci riuscirà anche ma non è fattibile nel mio contesto.. la mia situazione è diversa… e poi come facciamo IN PRATICA..”.
    Sapere invece che esiste un approccio che fare in modo che le soluzioni emergano spontaneamente dai gruppi non solo solleva ma incoraggia enormemente.

    Tante idee e soluzioni intuite, pensate, cercate ieri sera si sono condensate in una nuova parola: “Transizione”, Grazie ancora per questo bel suggerimento.

    Un saluto

    Daniele (GAS Ponte a Mensola Firenze)

  2. lou Says:

    Finalmente le transition towns anche in italia!!
    bellissima notizia 🙂

  3. Pier Luigi Says:

    Intanto grazie, Cristiano per la tua conferenza. E’ vero le porte erano aperte, ma un ripassino non fà mai male. Il problema vero è “allora adesso che facciamo”, come dice Daniele. Intanto nei nostri GAS possiamo cominciare a farli diventare dei GAST, come suggerisce Sergio e come un pò già facciamo con la nostra attività dei Gruppi di Acquisto. Il primo dei dodici passi, sarà quindi di formare un gruppo guida, rigorosamente con la data di scadenza, come lo yogurt. Certo il problema della scala urbana non ci permette di stare allegri, ma da qulche parte si dovrà pur cominciare. Parafrasando Seneca si può dire che “La consapevolezza è l’inizio della salvezza”. Pier Luigi GASantAndreaSolidale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: